Vai al contenuto
Home » Ecco la Top 10 delle serie rigorosamente italiane (per tutti i gusti) da non perdere su Netflix

Ecco la Top 10 delle serie rigorosamente italiane (per tutti i gusti) da non perdere su Netflix

23/02/2023 20:06 - Ultimo aggiornamento 14/03/2024 10:06

Ecco a voi la Top 10 delle serie tv italiane su Netflix, o almeno secondo noi. Lo sappiamo, è ancora giovedì, ma il fine settimana si avvicina e la piattaforma streaming è lì per voi. Ma, poi, chi l’ha detto che si può guardare Netflix solo nel fine settimana? Se stasera, o nelle altre sere, non avete impegni e non siete troppo stanchi, vi suggeriamo noi come trascorrere la serata: abbiamo selezionato una top 10 delle serie TV rigorosamente italiane e tra le più interessanti che potrete trovare sulla piattaforma. Eccole. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> News per Netflix: arriva lo stop per gli account condivisi. Saranno a pagamento

top 10 serie tv italiane netflix

“La vita bugiarda degli adulti” (2023)

“La vita bugiarda degli adulti” è stata rilasciata solo il 4 gennaio, ma già sta riscuotendo grande successo, (complice anche la bellissima colonna sonora) al punto che i fan già si interrogano su una eventuale seconda stagione. Ma occupiamoci della prima, interamente ambientata a Napoli. La città più scenografica d’Italia, non a caso divenuta il set di fortunate produzioni televisive e cinematografiche, ben si presta al dipanarsi del racconto, sospeso tra la città alta e quella bassa, un mondo “di sopra” e “di sotto”. Così come nel libro, le protagoniste principali sono essenzialmente due, pur in mezzo a un caleidoscopio di altri variegati personaggi: Giovanna, detta Giannina, interpretata dall’esordiente Giordana Marengo, e sua zia Vittoria, impersonata da Valeria Golino.

“Strappare lungo i bordi” (2021)

“Strappare lungo i bordi” è la seria animata creata, diretta e interpretata da Zerocalcare (Michele Rech), disponibile su Netflix, riprende in parte la storia raccontata nel film La profezia dell’armadillo, presentato alla 75ª Mostra del Cinema di Venezia. In particolare Strappare lungo i bordi presenta, anche se in forme diverse, il doloroso viaggio che Zerocalcare compie attraverso l’Italia.

“Mare fuori” (2020 – in corso)

“Mare fuori”, giunta già alla terza stagione (uscita a febbraio), è la serie cult tra i più giovani racconta l’esistenza dei ragazzi detenuti nel carcere minorile di Nisida, che fanno i conti col proprio passato, nell’attesa e nella speranza di un futuro che li possa riscattare.

“Vostro onore” (2022)

“Vostro onore” è già stata trasmessa con successo dalla Rai, la miniserie con Stefano Accorsi tratta di un magistrato, lo stesso Accorsi, alle prese con un conflitto interiore: cosa è disposto a fare per proteggere un figlio dalla violenza cieca della vendetta?

“Esterno notte” (2022)

“Esterno notte” è il magistrale lavoro di Marco Bellocchio, che dopo Buongiorno notte torna sul caso Moro, lo psicodramma nazionale che ha segnato un’epoca tristissima per la Repubblica. Stavolta lo fa con la formula della serialità, più adatta a scavare nell’animo umano dei personaggi, tra cui due strepitose interpretazioni di Fabrizio Gifuni nei panni dello statista ucciso dalle BR e di Toni Servillo, che veste i panni di Paolo VI.

“Il nome della rosa” (2019)

“Il nome della rosa”, già andato in onda su Rai 1, è la serie tv ispirata al bellissimo romanzo di Umberto Eco, Il Nome della Rosa, è arrivata sul colosso dello streaming. Protagonisti John Turturro e Rupert Everett, rispettivamente Guglielmo da Baskerville e Bernardo Gui.

“Summertime” (2022)

Lungo tre stagioni impariamo a conoscere i protagonisti della serie “Summertime”, Summer e Alessandro, due ragazzi con uno stile di vita opposto. Alessandro è un ragazzo romano, pilota professionista di moto, in eterno conflitto con il padre da cui si allontana per trovare il suo percorso sportivo in Spagna, mentre Summer, che ha un carattere molto più introverso, e che a dispetto del suo nome di battesimo odia l’estate, proprio per questo lavora durante la bella stagione.

“Vatican girl” (2022)

“Vatican girl” è ’inchiesta sulla scomparsa di Emanuela Orlandi ha al centro le ricostruzioni di Andrea Purgatori, coadiuvato dal fratello Pietro Orlandi, che gettano nuova luce su un giallo pluridecennale e porta all’attenzione internazionale una abnorme rete di inconfessabili intrighi e verità taciute. Una docu-serie discussa in tutto il mondo.

“Blanca” (2021)

“Blanca” è un altro grande successo di Rai Uno che approda sulla piattaforma di Netflix. Dopo la morte della sorella, una donna con cecità entra in polizia e risolve casi complicati con l’aiuto del suo istinto e di tutti gli altri sensi (anzitutto il sesto, l’intuito) amplificati dalla condizione della cecità. Con un’ottima interpretazione di Maria Chiara Giannetta.

“Suburra” (2017-2020)

Suburra” è stata la prima serie originale italiana mai approdata su Netflix. Tratta dall’omonimo film, a sua volta ispirato dal romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini, racconta della lotta per il potere nel sottobosco criminale di Roma, pericolosamente intrecciato con la politica, la finanza, persino il Vaticano. Il personaggio di Samurai è liberamente ispirato a Massimo Carminati. Magistrale l’interpretazione di Alessandro Borghi, nei panni del boss di Ostia, Aureliano Adami, alias Numero otto.

Leggi anche…

FONTI

Netflix, IMDb, la Repubblica, RaiPlay