Vai al contenuto
Home » Regencycore: la tendenza di moda che sta dominando grazie a “Bridgerton”

Regencycore: la tendenza di moda che sta dominando grazie a “Bridgerton”

effetto bridgerton serie tv rivoluzione moda cifre da capogiro
12/06/2024 15:16 - Ultimo aggiornamento 12/06/2024 16:57

Moda e società: già si parla dell’Effetto Bridgerton. C’era da aspettarselo che con il debutto della terza stagione, la serie tv “Bridgerton” segnasse un altro successo. Si tratta delle serie Netflix in lingua inglese più vista a livello globale – con oltre 950 milioni di ore visualizzate solo nel 2022, seconda a Stranger Things nonché la prima a essere stata rinnovata fino alla quarta stagione ancor prima dell’uscita della seconda. L’effetto boomerang di questo successo sta assumendo il nome stesso della serie tv: si chiama “effetto Bridgerton” quello che sta rivoluzionando il campo della moda. Infatti con l’arrivo della terza stagione e l’imminente rilascio delle ultime quattro puntate, anche il fashion system sta raccogliendo i suoi migliori frutti. Via libera, dunque alle nuove tendenze e al rilancio del mercato della corsetteria; a tal proposito si prevede che il valore di guadagno possa raggiungere i 3,5 miliardi di euro entro il 2031. E poi c’è il “regencycore”, ma di questo ne parleremo nell’articolo. Buona lettura! (Continua a leggere dopo la foto).

effetto bridgerton serie tv rivoluzione moda cifre da capogiro

Ti sei perso i titoli nuovi in uscita su Netflix questa settimana? Come sempre, sai che puoi trovare su Netflixmania i riepiloghi delle nuove uscite della settimana QUI. E se ti sei perso il nostro articolo su tutte le uscite del mese di giugno, clicca QUI. 

Effetto Bridgerton: cos’è il regencycore

Il termine “regencycore” si riferisce a una specifica tendenza di moda che prende ispirazione dall’epoca Regency inglese, un periodo storico compreso tra il 1811 e il 1820. Così gli elementi tipici dell’abbigliamento dell’alta società londinese di quel tempo -come corsetti, abiti stile Impero, guanti lunghi, fasce per capelli, cerchietti con perle e piume e specifici tessuti e motivi decorativi- stanno tornando di moda grazie alla serie televisiva “Bridgerton” prodotta da Netflix. Ma a quanto ammonta la crescita esponenziale? Secondo Launchmetrics, nel maggio scorso, le condivisioni e i commenti sui social relativi al termine “regencycore” sono aumentati del 225%, con un incremento degli articoli di oltre l’800% rispetto al debutto della prima stagione nel 2020.

effetto bridgerton serie tv rivoluzione moda cifre da capogiro

“Bridgerton”: la rivoluzione nel campo della moda

Adesso entriamo nel cuore della questione. Inutile negarlo davanti ai dati concreti: la serie tv “Bridgerton” sta letteralmente rivoluzionando il campo della moda, trasformandosi in un fenomeno culturale capace di influenzare anche i comportamenti dei consumatori. E questo anche attraverso i canali social. Basti pensare che TikTok ha giocato un ruolo fondamentale nel cosiddetto “effetto Bridgerton”. Oltre 2,3 milioni di post hanno contribuito a diffondere l’hashtag dedicato alla serie, facendo del regencycore una delle tendenze più rilevanti dell’anno.

effetto bridgerton serie tv rivoluzione moda cifre da capogiro

Come fare un passo indietro davanti a un simile clamore? L’occasione non può che essersi trasformata tra le più ghiotte anche per i brand di alta moda. Maison come Danielle Frankel, Richard Quinn e Versace hanno beneficiato della visibilità offerta dalla serie. Se non ci credete, facciamo qualche esempio e parliamo anche di cifre. Nel corso del tour promozionale, Nicola Coughlan ha indossato un abito total white di Danielle Frankel, che ha generato un valore di media impact (MIV) di 805 mila euro. L’attrice ha completato il look con gioielli Chopard, apportando ulteriori 660 mila euro in MIV al marchio. Richard Quinn ha seguito con 690 mila euro e Versace con 380 mila euro grazie a un abito della collezione primavera-estate 2024 indossato durante la première italiana.

“Vecchie” idee e nuove collaborazioni

Il gusto retrò dello stile d’epoca sfoggiato in “Bridgerton” va incontro all’innovazione: nascono idee e collaborazioni. La serie tv ha portato alla creazione di nuove capsule collection in edizione limitata. Dati alla mano, Primark, ad esempio, ha lanciato una collezione che ha generato oltre 1,5 milioni di euro in MIV, andando sold out in tutta Italia in soli dieci giorni. Kiko Milano con la collezione beauty di 24 prodotti, ha registrato un MIV di circa 540 mila euro. Seguono Bath & Body Works con 497 mila euro e Ruggable con 350 mila euro in MIV. E alla lista non scappano neanche la make-up artist Pat McGrath e il brand Stradivarius con il lancio di collezioni speciali. Come si usual dire, difficile che la serie tv “Bridgerton” passi di moda!