Vai al contenuto
Home » “Under Paris” diventa uno dei film Netflix più visti di sempre

“Under Paris” diventa uno dei film Netflix più visti di sempre

under paris numero uno netflix
19/06/2024 15:38 - Ultimo aggiornamento 19/06/2024 15:38

“Under Paris” continua a essere primo nella classifica di Netflix. La notizia ha tutta l’aria di essere una sorpresa, alla luce del fatto che continua a dividere l’opinione pubblica. Per capire i motivi basta semplicemente buttare un occhio sul sito Rotten Tomatoes dove il film ha ricevuto il 62% delle recensioni positive da parte della critica, crollando al 32% da parte del pubblico: “Under Paris si posiziona in una gradita via di mezzo, sapendo quando flirtare con l’umorismo e quando giocare sulla disperazione tipica del genere”, è il commento di un utente. “Un cruento thriller di serie B sugli squali minato da un dramma noioso”. E ancora: “Il film non è bello, ma è divertente, quindi finché ti immergi in questo con le giuste aspettative, puoi ricevere un buon intrattenimento senza senso”. Eppure c’è anche chi ha apprezzato lo stile qualificandolo come “il miglior film sugli squali dai tempi di Lo Squalo”. Eppure il film continua a mantenere un primato indiscusso sulle visualizzazioni. (Continua a leggere dopo la foto).

"Under Paris" diventa uno dei film Netflix più visti di sempre

Ti sei perso i titoli nuovi in uscita su Netflix a giugno? Come sempre, sai che puoi trovare su Netflixmania i riepiloghi delle nuove uscite di tutti i film e le serie del mese di giugno da vedere su Netflix, quiDai anche un’occhiata al nostro elenco aggiornato delle serie tv e film del genere thriller psicologico!

“Under Paris” è ancora il film più visto su Netflix

Under Paris, diretto dal regista Xavier Gens, ha ricevuto ampi consensi dalla critica, tra cui quelli di Michael Gingold di Rue Morgue che lo ha descritto: “ben realizzato e divertente per i fan della natura in cerca di emozioni semplici e acquatiche”. Allo stesso modo, Michael Nordine di Variety ha elogiato il film, affermando che “nuota piuttosto che affonda, poiché infonde nuova vita a un genere che è rimasto stagnante per troppo tempo”. Anche John Serba di Decider ha aggiunto: “Non entriamo in un thriller sugli squali con grandi aspettative, quindi Under Paris è semplicemente abbastanza buono da meritare una raccomandazione”.

A seguito del suo successo, si sono diffuse voci su un possibile sequel. Tuttavia, Gens ha dichiarato a Variety che la notizia non si fonda ancora su nulla di concreto ma che tutto risulta essere in fase di sviluppo: “Al momento, non ci stiamo lavorando, ma c’è la possibilità che ne discuteremo presto”. Se ci sarà un seguito, ha aggiunto Gens, sarà ambientato in una Parigi completamente sommersa dall’acqua. Al momento il film ha raggiunto 28.700.000 visualizzazioni.

"Under Paris" diventa uno dei film Netflix più visti di sempre

Controversie su “Under Paris”: accuse di plagio del regista Vincent Dietschy

Il regista francese Vincent Dietschy ha accusato i produttori del film di aver copiato la trama da un suo progetto, portando alla luce una controversia che ha scosso l’industria cinematografica. Secondo Dietschy, Under Paris, che segue la storia di uno squalo gigante che terrorizza la Senna, presenta troppe somiglianze con un suo progetto del 2011 intitolato Silure. In un’intervista a Le Monde, Dietschy ha affermato che il film di Netflix sembra aver copiato la sceneggiatura di Silure, un film mai realizzato che raccontava di una giovane poliziotta della brigata fluviale di Parigi alle prese con un gigantesco pesce gatto assassino. Nella sua trama, l’eroina affronta la creatura con l’aiuto di un ittiologo del Cnrs e del suo superiore, mentre il caos minaccia la politica della città proprio prima dei Giochi Olimpici.

“Le somiglianze tra i due soggetti sono troppo grandi. L’industria ci spinge a proporre film che si possano riassumere in idee semplici. Questa è la regola per essere finanziati. Ma Silure è una bomba che si può riassumere in quattro parole: Lo squalo a Parigi. È semplice e per questo è anche la cosa più facile del mondo da rubare. Qualcuno seduto al tavolo accanto può ascoltarci e, se ne ha i mezzi, prendere l’idea. Solo che in questo caso ci sono altri punti di accordo. Che io sappia, non è mai stato fatto un film sulla brigata fluviale in questo modo”

Fonti: Netflix