Vai al contenuto
Home » “Il problema dei 3 corpi”: grandi novità sul futuro della serie tv su Netflix

“Il problema dei 3 corpi”: grandi novità sul futuro della serie tv su Netflix

la seconda stagione della serie tv il problema dei 3 corpi
20/03/2024 09:58 - Ultimo aggiornamento 20/03/2024 10:20

Ci sarà la seconda stagione della serie tv di fantascienza “Il problema dei 3 corpi”? Nonostante il debutto della prima stagione serie tv su Netflix sia prevista per il 21 marzo 2024, i fan già si domandano se l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di successo scritto da Liu Cixin, ideato dai creatori de Il Trono di Spade, ovvero David Benioff, D. B. Weiss e Alexander Woo, avrà o meno un seguito. A rispondere al grande enigmatico dilemma sono stati direttamente David Benioff, D.B. Weiss e Alexander Woo, presenti al SXSW. La serie tv di fantascienza sembra avere tutti i presupposti per andare incontro allo stesso destino di Lost (sei stagioni) o quello di Dark (3 stagioni). Ciò significa che anche “Il problema dei 3 corpi” sembra necessiti di più tempo per poter conquistare completamente la fiducia degli amanti del genere sci-fi e action. Anche se di fantascienza la serie tv offre spaccati interessanti di lettura in chiave contemporanea.

La serie tv “Il problema dei 3 corpi” avrà una seconda stagione?

La serie tv diretta da David Benioff, D. B. Weiss e Alexander Woo disponibile su Netflix a partire dal 21 marzo 2024 è già sulla bocca di tutti. Infatti i fan chiedono se per la serie tv di fantascienza sia già prevista una seconda stagione. A rispondere alla domanda direttamente gli ideatori della serie tv presenti al SXSW: “Per la seconda stagione abbiamo più di un’idea di massima. Siamo molto più avanti con il piano rispetto alle fasi di abbozzo. Da lì in poi, più le cose si allontanano e più la propria visione diventa nebulosa. Ma nel terzo libro ci sono così tanti punti di riferimento, in termini di scene, situazioni ed eventi che possiamo vedere abbastanza chiaramente; non siamo del tutto sicuri di come i nostri personaggi arriveranno in quel posto, ma sappiamo che devono arrivarci. Perché quei luoghi sono il motivo per cui abbiamo preso in mano questi libri e abbiamo voluto adattarli”, annunciano i creatori della saga Il Trono di Spade in vista di un lavoro sul terzo libro della saga più corposo rispetto ai due libri: “Penso ce ne servano almeno tre in tutto, magari quattro per raccontare tutta la storia”.

la seconda stagione della serie tv il problema dei 3 corpi

“Il problema dei 3 corpi” (2024), serie tv -Stati Uniti, prima stagione Durata: 8 episodi (60 min. a episodio) Cast: Saamer Usmani, Marlo Kelly, Jess Hong, Jovan Adepo, Rosalind Chao, Sea Shimooka, John Bradley, Eiza González, Liam Cunningham, Benedict Wong, Alex Sharp, Jonathan Pryce, Ben Schnetzer Regia: David Benioff, D. B. Weiss, Alexander Woo

Ti sei perso i titoli nuovi in uscita su Netflix questa settimana? Come sempre, sai che puoi trovare su Netflixmania la lista delle nuove uscite della settimana QUI. Dai anche un’occhiata al nostro elenco aggiornato delle nuove serie tv e i top film sul genere sci-fi.

“Il problema dei 3 corpi” è una serie tv “ambiziosa”?

Presentata in anteprima al SXSW, la serie tv di fantascienza sembra andare incontro a opinioni piuttosto divergenti tra la critica, in quanto è stata considerata “troppo esoterica” ​​per provocare vere emozioni. La storia si divincola tra Cina, New York e Londra e racconta le vicende di un gruppo di scienziati che si ritroveranno a prendere una delle decisioni più importanti della propria vita, pena la scomparsa dell’umanità dal pianeta Terra. La serie tv, dunque, è rivolta non solo agli amanti del genere sci-fi e dell’action, ma anche a tutti coloro che provano a scavare all’interno del ragionamento umano davanti alla possibilità di andare incontro a un finale non del tutto prevedibile. La sinossi ufficiale diffusa da Netflix recita: “Un racconto elettrizzante che ridefinisce i canoni del dramma fantascientifico attraverso misteri sovrapposti e gravi implicazioni al di fuori di ogni classificazione, tratto dall’acclamata trilogia bestseller Il problema dei tre corpi. La fatidica decisione di una donna nella Cina degli anni ’60 riecheggia attraverso lo spazio e il tempo fino a raggiungere un gruppo di geniali scienziati nel presente. Quando le leggi della natura si sgretolano davanti ai loro occhi, cinque ex colleghi si riuniscono per affrontare la più grande minaccia nella storia dell’umanità”.

la seconda stagione della serie tv il problema dei 3 corpi

“Il problema dei 3 corpi”: il parere di un fisico sulla trama

Il titolo della saga, Il problema dei 3 corpi, riprende una teoria della meccanica orbitale, tesa a calcolare la massa e la velocità di tre corpi soggetti all’influsso dell’attrazione gravitazionale. A esprimere un proprio parere sulla serie tv piuttosto chiacchierata e divisoria, l’esperto Carlo Canali, fisico dell’Istituto italiano di Tecnologia si occupa di robotica ispettiva in ambito industriale e aerospaziale. Queste le sue parole rilasciate nel corso di un’intervista per La Repubblica: “Ci sono due livelli di lettura, quello della persona comune e quello del fisico”. Il fisico appassionato anche di fantascienza ha così risposto: “Noi fisici siamo un pubblico un po’ complicato per gli scrittori, perché tendiamo a essere molto precisi ed esigenti”. La trama del libro non solo affronta un parallelismo tra mondo virtuale e mondo reale, ma racconta anche della Cina durante gli anni della Rivoluzione Culturale: “È un libro interessante, con tanti spunti di riflessione su temi scientifici che sono veri e reali e sono davvero affrontati dagli scienziati. Cioè appunto il problema dei 3 corpi, la ricerca di vita extraterrestre, la comunicazione con lo Spazio profondo”. Ancora: “È un’opera di fantascienza, ma è un’opera di fantascienza che in qualche modo invita a ragionare. Non è Guerre Stellari, che lo guardi e tendenzialmente non pensi, non ti domandi come funzionino le astronavi o le spade laser, perché esista la forza, quale sia la base scientifica delle varie cose. Qui un po’ ti viene da riflettere. Ti viene da chiederti se quello che viene raccontate sia possibile”. Anche se di fantascienza la serie tv offre spaccati interessanti di lettura in chiave contemporanea.

Fonti: EveryEye, La Repubblica