Vai al contenuto
Home » “Junji Ito Maniac”: cosa accade ad animare i manga

“Junji Ito Maniac”: cosa accade ad animare i manga

18/02/2023 21:35 - Ultimo aggiornamento 30/03/2023 19:11

“Junji Ito Manica” è la nuova, attesissima, serie horror Netflix. Per chi conosce un po’ il mondo dei manga e della narrativa horror giapponese, il nome di Junji Ito rappresenta una garanzia di qualità; pochi altri autori, infatti, sono riusciti a descrivere gli orrori del quotidiano fino a trasformarlo in un incubo. Netflix è qui a ricordarcelo con dodici episodi animati contenenti venti storie che già dalla sigla psichedelica introducono l’atmosfera alienante dei racconti.
>>> “Daughter”, l’horror che racconta le ossessioni di una famiglia

Junji Ito Maniac serie horror netflix

“Junji Ito Maniac”, trailer

Trama di “Junji Ito Maniac”

I racconti di Ito sono stati già adattati sotto forma di anime nel 2018 in JunjiIto Collection. Questa volta, però, Netflix dà la possibilità all’autore di farsi conoscere dal grande punbblico. Varie sono le tematiche toccate negli episodi animati: bullismo, suicidio e tradimenti, maledizioni, storie di spiriti; tutto contribuisce a creare tensione e inquietudine nello spettatore. Ci troviamo di fronte Soichi, il ragazzino con l’ossessione per i chiodi, o Tomie, una donna violentata e martoriata che ha la capacità di moltiplicarsi in eterno. Chi guarda le puntate ha voglia di rileggere o cominciare a comprare i manga. Non è facile riuscire a mantenere lo stesso livello narrativo con poche puntate. Una di quelle più riuscite, per esempio, è la terza: Palloncini appesi. La storia si incentra sulla morte di una giovanissima ragazza, probabilmente suicidatasi per impiccaggione. I compagni di classe danno la colpa del gesto estremo al fidanzato, il quale confessa di avere iniziato ad essere perseguitato dalla testa gigante della sua amata. La storia finisce per degenerare e le teste fluttuanti della ragazza diventano decine, centinaia, migliaia, che vanno alla ricerca dei loro corrispettivi umani per impiccarli. Il suicidio è un fenomeno tristemente conosciuto nella frenetica società giapponese ed ecco perchè questo tema è particolarmente sentito dallo stesso mangaka. Il bullismo è un’altra tematica cara agli autori giapponesi perché molto viva nella loro società, al punto da spingere al suicidio chi lo subisce. Se volete trascorrere un po’ di notti insonni questa è la vostra serie.

“Junji Ito: Maniac”, scheda

Titolo originale Junji Ito Maniac: Japanese Tales of the Macabre
Genere: Animazione, Horror
Stagione: 1
Episodi: 12
Paese: Giappone

Leggi anche…

Tutto su Mireia Oriol, la protagonista di “Alma” – Netflixmania.it

FONTI

Netflix, IMDb, Wired