Vai al contenuto
Home » “Il momento di uccidere”: quando la giustizia diventa vendetta. Il film in classifica su Netflix

“Il momento di uccidere”: quando la giustizia diventa vendetta. Il film in classifica su Netflix

Il momento di uccidere Netflix film
01/03/2023 18:00 - Ultimo aggiornamento 01/03/2023 19:36

Top 10 film su Netflix: “Il momento di uccidere” (A Time to Kill) sta scalando la classifica dei film più visti su Netflix. Tratto dall’omonimo romanzo di John Grisham, nel cast spiccano nomi di grandissima fama come Sandra Bullock, Matthew McConaughey, Samuel L. Jackson. Si tratta di un thriller giudiziario di grande intensità del 1996, diretto da Joel Schumacher, ambientato negli anni ’80, in un piccolo paese del Mississippi, dove un avvocato bianco viene incaricato di difendere un uomo di colore accusato dell’omicidio di due uomini bianchi che hanno abusato di sua figlia.
Leggi anche: >>> Cosa guardare su Netflix OGGI: top 10 film e serie tv

“Il momento di uccidere” | Info e cast

  • Data: 1996
  • Genere: thriller
  • Lingua originale: inglese
  • Regia: Joel Schumacher
  • Cast: Sandra Bullock (Ellen Roark), Samuel L. Jackson, (Carl Lee Hailey), Kevin Spacey  (Rufus Buckley), Matthew McConaughey, (Jake Brigance), Ashley Judd (Carla Brigance), Donald Sutherland (Lucien Wilbankes ), Kiefer Sutherland (Freddie Lee Cobb)

“Il momento di uccidere”: trailer e trama

La trama de “Il momento di uccidere” esplora temi che mettono in discussione i confini tra giustizia e vendetta, legalità e moralità. Siamo in Mississippi a fine degli anni ’80 e due bianchi razzisti abusano di Tonia una delle figlie di Carl, un operaio afroamericano. La ragazza, per una serie di eventi fortuiti, riesce a sfuggire dalle mani dei due aggressori e a condannare i criminali. Tuttavia, il padre di Tonia una volta scoperto che, i due balordi, riusciranno a cavarsela con una condanna leggera decide di farsi giustizia da solo. L’uomo uccide i due delinquenti e viene arrestato rischiando la condanna a morte. In difesa dell’operaio arriva Jack Brigance, un avvocato bianco, il quale, si rende conto all’istante che il processo è più complesso del previsto. A rendere il tutto più complicato è il generale sentimento di ostilità nei confronti di Carl che in mostra la disuguaglianza razziale presente nel sistema giudiziario americano.

Leggi anche: “Triptych”: la miniserie travolgente thriller, ispirata un dramma realmente accaduto, su Netflix

Il momento di uccidere Netflix storia vera

Jack Brigance come Atticus Finch ne “Il buio oltre la siepe”

Il momento di uccidere” è un film che, oltre a essere un thriller avvincente, pone questioni morali e sociali al centro della narrazione. La relazione tra giustizia e uguaglianza, la lotta contro il razzismo e la violenza sessuale, e la difficoltà di applicare la legge in un contesto di disuguaglianza sociale e culturale sono le parti focali analizzate dalla pellicola. Come nel film “Il buio oltre la siepe” (1962) tratto dall’omonimo romanzo di Harper Lee dove anche l’avvocato Atticus Finch si trova a dover difendere un uomo di colore posto di fronte a un muro di ostilità a causa delle sue origini. La figura dell’avvocato Jake Brigance ne “Il momento di uccidere” nel corso del processo cerca di dimostrare la legittima difesa di Carl Lee e rappresenta sia l’etica che la difficoltà di applicare la giustizia in un contesto di profonda ingiustizia sociale.

“Il momento di uccidere” è basato su una storia vera?

Il caso affrontato dal romanzo di John Grisham è ispirato ad una storia vera. Lo scrittore ha infatti ricordato un fatto di cronaca che è rimasto impresso nella sua mente per tanto tempo. L’episodio in questione risale al 1984 quando, all’epoca, Grisham era un avvocato e fu partecipe alla testimonianza di una dodicenne vittima di stupro, assieme alla sorella, in Mississippi. Il caso vedeva due ragazze abusate e picchiate brutalmente da Willie James Harris solo che, a differenza del film, il loro assalitore era di colore. Lo scrittore si ispirò a questo episodio perchè rimase sconvolto dalla testimonianza di una delle due sorelle ponendosi la domanda: “Cosa sarebbe potuto accadere se il padre delle due ragazze avesse deciso di assassinare il criminale?“. Il motivo per cui lo scrittore inverte i ruoli, rendendo il padre di origini afroamericane è per far emergere la differenza di trattamento che spesso nei tribunali viene attuata nei confronti di persone di colore. 

Leggi anche: Cosa guardare su Netflix OGGI: top 10 film e serie tv – mercoledì 1 marzo

Fonte: NETFLIX

Tag: