Vai al contenuto
Home » Il nuovo digitale terrestre: a rischio milioni di televisori

Il nuovo digitale terrestre: a rischio milioni di televisori

Cambia digitale terrestre
12/06/2024 09:13 - Ultimo aggiornamento 12/06/2024 09:13

Italia verso il cambio digitale terrestre: “Milioni di utenti dovranno acquistare un nuovo apparecchio” (Codacons). Ecco come prepararsi allo switch-off. L’Italia sta per affrontare una rivoluzione del cambio digitale terrestre che potrebbe creare importanti disagi per moltissimi utenti. Con gli aggiornamenti degli standard di trasmissione del digitale terrestre, milioni di famiglie italiane dovranno prepararsi per un cambiamento significativo nella fruizione dei contenuti televisivi. Secondo una recente statistica, infatti, circa la metà dei televisori in Italia, pari a 14 milioni su 28 milioni, non sono compatibili con il nuovo standard. Ciò significa che numerose famiglie dovranno affrontare spese impreviste per continuare a usufruire dei canali tramite digitale terrestre. Per evitare interruzioni nella visione dei tuoi programmi preferiti, è importante verificare sin d’ora la compatibilità del tuo televisore e considerare le soluzioni alternative disponibili. Scopri quando avverrà il cambio del digitale terrestre in Italia e se impatterà anche te. Verifica se il tuo dispositivo è compatibile con il nuovo standard DVB-T2 e preparati allo switch-off.

Cambia tutto per il digitale terrestre in Italia: ecco quando

Al centro delle polemiche c’è la Rai, accusata di aver anticipato le scadenze legislative e di non aver rispettato gli accordi precedenti. Il 28 agosto segnerà l’inizio del nuovo standard di trasmissione «Mux» in DVB-T2, costringendo molte famiglie a dotarsi di televisori compatibili, ma pare che i cambiamenti inizieranno già prima di quella data.
Leggi anche â–º Come guardare Netflix su vecchi televisori: ecco le soluzioni efficaci ed economiche

Il Codacons ha lanciato un allarme, sottolineando che la Rai è pronta a iniziare i test. “Si apprende che la Rai intende accendere il primo Mux in DVB-T2 il prossimo 28 agosto, con test preliminari già nei prossimi giorni,” ha dichiarato l’associazione. Il nuovo standard mira a migliorare la qualità di ricezione e dell’immagine, liberando le frequenze a 700 MHz del DVB-T1 per il 5G. Tuttavia, milioni di televisori non compatibili dovranno essere sostituiti, causando un aumento dei costi per i consumatori.

Come verificare la compatibilità del tuo televisore

Per verificare se il tuo televisore supporta il nuovo standard, è possibile sintonizzarsi sui canali 200 (Test Hevc Main10) o 558 (Rai Sport HD). Se il canale è visibile, il televisore è compatibile. In alternativa, si può accedere al menu principale del televisore e cercare la voce «Sintonizzatore digitale», verificando la presenza di DVB-T2 HEVC/H265.
Leggi anche â–º Tutto su Netflix: come accedere, quanto costa, le modalità e tanto altro

Cambia digitale terrestre

Quali sono i canali del digitale terrestre a rischio oscuramento

Il primo passo dello switch-off coinvolgerà i canali multiplex della Rai. I 15 canali che potrebbero essere oscurati per chi non ha dispositivi compatibili con il DVB-T2 includono: Rai 1 HD, Rai 2 HD, Rai 3 HD, Rai 4, Rai 5, Rai Premium HD, Rai Scuola, Rai Play, Rai Radio 2 Visual, Rai Play Sound, Rai Gulp HD, Rai Yoyo HD, Rai Storia HD, Rai Sport HD Test HEVC, e Rai San Marino.

Cosa fare se il tuo televisore non è più compatibile per digitale terrestre

Se il televisore non è compatibile, ci sono diverse opzioni:

  • acquistare un nuovo apparecchio,
  • comprare un decoder per digitale terrestre DVB-T2, oppure
  • utilizzare la Fire Stick TV di Amazon come decoder per i canali.